MURO DI VETRO

Giovanni Soldati

2009

128 pp.

I pedigreed

25.00 Fr./00.00 €
 
Tredici racconti, tredici personaggi.
Quale filo invisibile può legare le storie di Maria, che ha trovato l’America a Genova, di Aline che ha cercato il mare, innanzitutto, dentro se stessa, o di Valerio ormai rinchiuso nel rumoroso silenzio di un ospedale psichiatrico? Cos’hanno in comune il vecchio Giosué, il poeta che sputa le parole al mondo, e Marianna, la ragazzina aggrappata con le unghie ad una vita di carta velina?
In apparenza nulla, se non la monotonia della quotidianità, ingabbiata da molti perché e da ineluttabili sconfitte del destino. Eppure per loro, come per Thomas, presunto assassino, e gli altri, i sogni migliori sono rannicchiati appena oltre il muro di vetro della mente, in attesa di un riscatto forse possibile tra le pagine calde dell’anima.

“Non rileggo mai i miei libri. Anche perché i libri non appartengono a chi li scrive, ma a chi li legge... Mi piace invece scrivermi addosso, sulla pelle; le parole formano tanti piccoli tatuaggi della memoria. L’effetto è quello di un bagno bollente. Ne esco svuotato e intontito. Un po’ come mi sento adesso. Col vino, intendo. Ma quanti bicchieri abbiamo bevuto?”
“Ho perso Baudelaire”

 

Versione per stampante

Torna alla pagina precedente